News

Indietro

Oriente Occidente

Oriente Occidente, uno dei più importanti Festival di danza è nato nel 1981 in Trentino a Rovereto, città aperta al gusto del nuovo, del moderno, della ricerca culturale e delle sue tendenze. Ama definirsi questo Festival, dove Oriente e Occidente sono intesi come poli di un percorso ideale di scambi e incroci non solo tra culture, ma anche tra generi e linguaggi della scena contemporanea.Negli anni ha ospitato quasi sempre attraverso apposite produzioni o prime europee o nazionali, compagnie e artisti tra i più importanti e significativi della scena della danza internazionale.

Lo spirito del Festival nei suoi 36 anni di attività è stato quello di mettere in scena le reciproche influenze esercitate nel Novecento dalla tradizione artistica orientale sulla sperimentazione occidentale e viceversa. Oriente Occidente diventa così un viaggio circolare tra teatro e danza, ricerca e tradizione, identità e innovazione.
Come l’anno scorso, sempre nel periodo della prima settimana di settembre, Oriente Occidente si presenta anche quest’anno a Rovereto, dal 30 agosto fino al 10 settembre, portando una grande varietà di spettacoli, workshop di danza e mostre all’insegna dell’arte e della cultura.

In particolare Tanja Erhart, laureata in antropologia culturale e sociale a Vienna e Adam Gain, nato nel sud-est di Londra studia presso il Trinity Laban Conservatoire of Music and Dance, presentano un workshop di 3 giorni sulla danza inclusiva.

L’obiettivo è sperimentare tecniche e condividere pratiche e approcci alla danza inclusiva con i due danzatori della Candoco Dance Company, compagnia di danza contemporanea di fama internazionale fondata nel 1991. Un workshop di soli 3 giorni, ma abbastanza intenso per far sperimentare a tutti la possibilità di danzare facendoci provare quella sensazione magnifica di scioltezza e naturalezza nei piccoli movimenti.

Link: Oriente+Occidente

Condividi la notizia...

Google
immagineDettaglio

Oriente Occidente

Importante Festival di danza nato nel 1981 in Trentino a Rovereto, città aperta al gusto del nuovo, del moderno, della ricerca culturale e delle sue tendenze. Racconto della storia del Festival e le sue attività e spettacoli inclusivi