Indietro

Vittorie e sconfitte a Pyeongchang

Torna a splendere il tricolore italiano grazie a Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal, premiati a Pyeongchang per il trionfo in gigante di mercoledì sul tracciato di Jeongseon. I due trentini hanno già vinto tutte e tre le medaglie in questa Paralimpiade e possono ancora aumentare la collezzione con lo slalom in programma domani. Il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli ha potuto assaporare il trionfo dei due italiani nei migliore dei modi, avendo l'onore di premiarli e di mettergli al collo la medaglia d'oro. "In quel momento ho ripensato a quando ero un atleta della loro età. Sono sicuro che anche loro ricorderanno questi attimi indelebili per tutta la vita e più bella ancora della loro medaglia è la loro amicizia". Ha commentato Luca Pancalli.

"Ho solo 19 anni e voglio fare ancora l'atleta per tanto tempo e se Fabri vorrà potrà continuare a farmi da guida, ma non voglio obbligarlo".Casal risponde: "Volevo dire più o meno le stesse cose e che ognuno è libero di scegliere il proprio cammino, ma che io vorrei continuare a fare la guida di Jack".

Non è riuscita l'impresa all'Italia del para ice hockey nella semifinale contro gli Stati Uniti che non hanno avuto pietà degli azzurri e si sono imposti per 10-1.

Altri tre azzurri impegnati nello snowboard: il veneto Manuel Pozzerle, argento nel cross, il toscano Jacopo Luchini e l'emiliano Roberto Cavicchi.

immagineDettaglio

Vittorie e sconfitte a Pyeongchang

Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal sul podio