Ricordare le battaglie vinte e non abbandonare la lotta

Data: 01/02/2017
Rivista: 02 - 2017
Autori: Fabiola Motta
Fabiola Motta

Come sapete vengo da un lontano Paese chiamato Cile, in Sudamerica, e vi confesso che prima d'arrivare a Trento non avevo mai sentito parlare di diversità, disabilità, politiche sociali, immigrazione, discriminazioni, barriere culturali e architettoniche. Certamente non perché nel mio paese non ci fosse bisogno, ma piuttosto perché le politiche sociali non vengono affrontate come una priorità. Così ti trovi ancora con gli autobus senza pedane né spazi per il trasporto di carrozzine, neanche le strade sono abilitate per il transito dei disabili. Non esistono assistenza domiciliare, insegnanti da sostegno, cure domiciliari, contributi, assegni da sostegno, e le organizzazioni di volontariato sono molto poche. Allora ogni famiglia, ogni individuo deve lottare da solo giorno dopo giorno per riuscire a tirare avanti. Purtroppo ancora tante nazioni si trovano in queste condizioni e peggio ancora anche tante città italiane, dove bambini, adulti ed anziani non ricevono l'aiuto necessario. Nel Trentino Alto Adige invece si è lavorato tanto al fine di migliorare le condizioni di vita, soddisfare e sostenere ogni individuo nel rispetto della sua dignità, come parte integrante di una società che non abbandona, ma protegge, dove non sei da solo, ma importante. Ed è con queste premesse che nascono la maggior parte degli enti di volontariato che lavorano sul nostro territorio. Associazione Prodigio, essendo parte di questo mondo, ha portato avanti diverse battaglie, informando, denunciando, creando spazi di confronto e crescita, facendo ponte fra gli individui. Ho cominciato questo articolo comparando due mondi diversi, ho fatto un piccolo elenco dei benefici che esistono nella nostra provincia, con l'unica intenzione di ricordare quello che abbiamo costruito fino d'ora e riconoscere le lotte che ci hanno permesso di arrivare a questo punto. Sicuramente manca ancora tanto e tutti giorni ci saranno nuove battaglie da portare avanti, ma è altrettanto importante non perdere ciò che si è già guadagnato. Perché queste battaglie traghettano tutti noi verso una società migliore.