Esperienze di quartiere a Trento

Rivista: 06 - 2016
Autori: La Redazione

Raccontiamo le esperienze di quartiere San Pio X


Social Street San Pio X

ColtiviAMO San Pio X

Ha preso il via all’inizio di aprile il progetto “NEL MIO QUARTIERE: Ri-Generazioni partecipate” presentato al Piano Giovani di Zona dal gruppo Social Street di San Pio X e dintorni.

Il percorso proposto nasce dal lavoro di rete delle cooperative sociali FAI e la Sfera che insieme hanno deciso di unire le forze per sperimentare nuove esperienze di quartiere insieme al gruppo dei residenti di San Pio X.

“NEL MIO QUARTIERE: Ri-Generazioni partecipate” propone agli abitanti di mettersi in gioco per sperimentare un percorso condiviso di cui possa beneficiare tutta la comunità interessata.

Sono previstipercorsi didattico-informativi con le Scuole dell’Istituto Comprensivo Trento 3, incontri nelle scuole De Gaspari, Savio e Bronzetti e alcune passeggiate esplorative dei luoghi presi in cura dai cittadini, per creare una maggiore coscienza del quartiere e dei beni comuni.

Le attività che coinvolgono i bambini delle scuole primarie insieme al circolo anziani del rione favoriscono l’incontro e lo scambio inter-generazionale, per far sviluppare conoscenze sulla storia, sull’evoluzione socio-demografica e sugli usi e abitudini che caratterizzavano il quartiere nel passato.

Durante le giornate del 2 e 3 aprile sono state organizzate delle iniziative volte al recupero di alcuni spazi urbani. Il primo si è svolto nella zona del lungo Fersina, dove la coop La Rete ha realizzato un orto delle spezie grazie all’aiuto di volontari, operatori e utenti che hanno indossato guanti e imbracciato gli attrezzi per ripristinare uno spazio che prima era abbandonato. L’impegno e la partecipazione di tutti hanno permesso di creare uno spazio verde nel mezzo del contesto urbano dove potersi cimentare nella coltivazione e nella cura di diverse piante aromatiche e degli alberi presenti.

Il giorno successivo è stato dedicato alla pulizia del quartiere di San Pio X, che durante la mattinata ha visto l’intervento di diversi cittadini volontari che si sono attivati per raccogliere rifiuti e cartacce. Il pomeriggio invece ha visto la partecipazione di tanti bambini che grazie al supporto della coop La Sfera hanno potuto abbellire le aiuole sotto i portici di via San Pio X con tante ortensie portate dall’operatore della cooperativa sociale. Uno spazio brullo e pieno di sassi si è così trasformato in una stupenda aiuola piena di fiori che i bambini si stanno impegnando ad innaffiare ogni settimana. Questa è la dimostrazione di quanto possa essere facile prendersi cura del proprio quartiere, beneficiando in prima persona di quei luoghi comuni che attraversiamo ogni giorno senza farci caso, ma che possono diventare una risorsa di aggregazione e di responsabilizzazione dei beni comuni.

Nel mio quartiere...Ri-Generazioni partecipate

Il 18 e 19 giugno sono invece previste le giornate di restituzione alla comunità, un momento conclusivo durante il quale verranno proposte diverse attività tra cui la riqualificazione del sottopassaggio di via Monte Baldo attraverso la pulizia e la realizzazione di un murale in collaborazione con il collettivo di artisti St.Art. Questa iniziativa di ri-abbellimento artistico è resa possibile anche dal Comune di Trento*, che promuove e sostiene le proposte di ripristino urbano provenienti da gruppi di cittadini attivi.

Durante l’evento di restituzione ci sarà l’estrazione dei biglietti vincenti della lotteria di quartiere, organizzata per coprire la parte di autofinanziamento previsto nel progetto, e verrà proiettato un breve video per ripercorrere le tante attività svolte insieme durante questo percorso partecipato.

Un momento pubblico di confronto e festa quindi, durante il quale saranno presenti anche i giocatori dell’Aquila Basket, coinvolti dalla coop la Sfera per supportare l’iniziativa.

Alla fine di maggio si svolgerà la votazione per il bozzetto che sarà scelto come la nuova decorazione di uno dei muri del sottopassaggio di via Monte Baldo, dove il lato pedonale verrà realizzato dagli artisti, mentre il lato strada è pensato da e per gli abitanti stessi.

Largo alla creatività e alla partecipazione!